Il vecchio e il mare: la mappa del romanzo di Hemingway

Correlativo Oggettivo: come costruire un sentimento attraverso un oggetto
25 Marzo 2019
Marco Missiroli intervistato da Cartografia Letteraria
“Fedeltà, un romanzo scientificamente vero”: l’intervista a Marco Missiroli
25 Marzo 2019
Mappa illustrata "Il vecchio e il mare" di Ernest Hemingway - Cartografia Letteraria
Tempo di lettura: 3 minuti

di Ferdinando Morgana


L’immagine è semplice: una vasta, infinita, distesa di mare vista dall’alto. Il romanzo si svolge quasi tutto lungo il pelo dell’acqua, certo, ma non è tanto per questo che la cartografia de Il vecchio e il mare è quella di un infinito specchio azzurro.


Il vecchio e il mare è l’ultima grande opera di narrativa pubblicata in vita da Hemingway, premiata nel 1953 col Premio Pulitzer e citata tra le motivazioni dell’assegnazione del Premio Nobel per la Letteratura l’anno seguente.

La mappa del romanzo di Hemingway "Il vecchio e il mare" - Cartografia Letteraria
Il vecchio e il mare: mappa illustrata da Angelica Zanini per Cartografia Letteraria.

La trama è lineare, quanto densa di simboli: Santiago è un vecchio pescatore cubano le cui reti sono vuote da quaranta giorni. Stremato, decide di guadagnare il largo con la sua piccola barca e tentare la pesca d’altura. Dopo una lotta furiosa in mare aperto, cattura il pesce più grande della sua vita, un marlin blu. Quando cercherà di riportarlo a casa, percorrendo a remi la lunga distanza verso casa, saranno gli squali a spolpare poco a poco il suo gigantesco marlin. Santiago tornerà a riva carico soltanto di un’enorme lisca.

Il capolavoro di Hemingway è quindi un romanzo sulla sconfitta, sulla fatica e sulla fatua vanità della vittoria. E’ soprattutto una storia sul lasciare la propria casa e sul tentativo disperato di ritornarci, sulla nostalgia della terra. Per questo motivo Il vecchio e il mare si può definire a ragione un romanzo senza terra.

La cartografia letteraria che lo rappresenta non può che allungarsi completamente sull’acqua Un infinito piano orizzontale e azzurro, dove la terra e la casa, sono solamente sognate. E per quanto la mappa possa allungarsi, non arriverebbe mai a raggiungere alcuna costa, che continuerebbe ad allontanarsi come un orizzonte.

Nel mezzo la lenza: linea di confine, terreno di scontro, tiro alla fune tra Santiago e il marlin. La lenza è il luogo del romanzo, il suo conflitto, il suo centro. E’ la lenza a dare vita a tutto: alla trama – lineare, ma tortuosa come un labirinto da cui non si esce – alla lotta, allo stesso Santiago e al Marlin. E il Marlin stesso è in un punto di mare profondo, a picco, lì dove il blu diventa quasi nero.

L’ illustratrice: Angelica Zanini
Nata a Vicenza nel settembre ’93, Angelica Zanini si è diplomata al liceo artistico, dove ha scoperto la passione per l’illustrazione, che ha poi continuato a coltivare seguendo corsi con importanti maestri del settore. A Torino ha frequentato la Scuola Holden dove si è specializzata in “Narrazione del Reale”. Oggi collabora con numerose aziende e case editrici per cui ritrae il mondo da un punto di vista inedito e curioso.

Condividi: